Cerca

Instagram Exclusive Stories: Cosa sono e come funzionano le nuove storie di Instagram?

Instagram sta sviluppando la propria versione del Super Follow di Twitter con una funzione che consentirebbe ai creator online di pubblicare contenuti "esclusivi" nelle loro Instagram stories. I contenuti saranno disponibili solo per i fan più affiatati. L'accesso che probabilmente sarà fornito mediante il pagamento di una sorta di abbonamento, viene confermato dallo stesso Instagram in quanto gli screenshot della funzionalità recentemente circolati sui social media provengono da un prototipo interno che è ora in fase di sviluppo, ma non ancora testato pubblicamente. La società ha rifiutato di condividere maggiori dettagli a riguardo, sviando con un comune "non siamo ancora in grado di parlare di questo progetto".

Crediti immagine: Alessandro Paluzzi


Gli screenshot, tuttavia, mettono in mostra il nuovo pensiero di Instagram, in quanto mostrano un mondo in cui i creatori potrebbero pubblicare quelle che vengono chiamate "Storie esclusive" nei loro account. Quest'ultime saranno evidenziate da un colore diverso (attualmente viola). Quando altri utenti di Instagram incontrano le storie esclusive, verrà mostrato loro un messaggio che dice che "solo i membri possono visualizzare questo contenuto". Le nuove storie non potranno essere screenshot ma potranno essere condivise come momenti salienti, a quanto pare.. Un nuovo messaggio incoraggia i creatori a "salvarlo in un momento saliente per i tuoi fan", spiegando che, così facendo, "i fan hanno sempre qualcosa da vedere quando si uniscono".

La funzionalità Exclusive Stories è stata scoperta dal reverse engineer Alessandro Paluzzi, che spesso trova funzionalità inedite nel codice delle app mobile.


Le storie esclusive rappresentano solo una parte dei piani più ampi di Instagram per estendere gli strumenti di monetizzazione dei creator.

Crediti immagine: Alessandro Paluzzi

La società ha lentamente rivelato maggiori dettagli sui suoi sforzi in questo senso, con il boss di Instagram, Adam Mosseri, che ha detto per la prima volta a The Information a maggio che la società stava "esplorando" gli abbonamenti insieme ad altre nuove funzionalità, come gli NFT.

Paluzzi ha anche recentemente trovato riferimenti alla funzione NFT Collectibles, che mostra come le nuove opere d'arte da collezione digitali potrebbero apparire sul profilo Instagram di un creatore in una nuova tab dedicata.

Crediti immagini: Alessandro Paluzzi


Instagram, finora, non ha annunciato pubblicamente gli specifici sviluppi del progetto, scegliendo invece di parlare ad alto livello dei suoi piani su novità come abbonamenti e suggerimenti.

Ad esempio, durante la Creator Week di Instagram all'inizio di giugno - un evento che avrebbe potuto essere il luogo ideale per offrire un primo assaggio di alcune di queste idee - Mosseri ha parlato più in generale del tipo di strumenti per i creator che Instagram era interessato a costruire, senza dire che erano effettivamente in attivo sviluppo.

"Dobbiamo creare un'intera suite di strumenti che i creatori possono sfruttare per realizzare ciò che hanno voglia di creare, se vogliamo essere la migliore piattaforma a lungo termine.", ha detto, spiegando che anche Instagram sta lavorando su più strumenti creativi e funzioni di sicurezza, nonché strumenti che potrebbero aiutare i creatori a guadagnarsi da vivere.

"Penso che sia estremamente importante creare un'intera suite di strumenti diversi, perché ciò che potresti usare e ciò che sarebbe rilevante per te come creatore potrebbe essere molto diverso da un atleta o uno scrittore", ha detto.

“E quindi, in gran parte, [gli strumenti di monetizzazione dei creator] rientrano in tre categorie. Uno è il commercio, quindi possiamo fare di più per aiutare con i contenuti brandizzati; possiamo fare di più con il marketing di affiliazione. Possiamo fare di più con il merchandising", ha spiegato. "Il secondo sono i modi in cui gli utenti possono effettivamente pagare direttamente i creatori, quindi che si tratti di contenuti recintati o abbonamenti o suggerimenti, come badge o altri prodotti a pagamento. Penso che ci sia molto da fare lì. Adoro Instagram perché fornisce ai creatori una relazione diretta con i loro fan, il che penso sia fondamentale e più sostenibile a lungo termine", ha detto Mosseri.

La terza area è focalizzata sulla quota di compartecipazione alle entrate, come con i video di lunga durata di IGTV e i video di breve durata, come Reels, ha aggiunto.

Instagram non è l'unica grande piattaforma social che va avanti con gli sforzi di monetizzazione dei creator.

Il modello di appartenenza, reso popolare da piattaforme come OnlyFans e Patreon, si è recentemente fatto strada su una serie di social network tradizionali man mano che l'economia dei creatori si è consolidata.

Twitter, ad esempio, ha annunciato per la prima volta la propria interpretazione degli abbonamenti dei creatori, svelando i suoi piani per la funzione Super Follow durante un evento Analyst Day a febbraio. La scorsa settimana, ha iniziato a lanciare applicazioni per Super Follows e Ticketed Spaces, quest'ultimo concorrente delle sale di social network audio di Clubhouse.

Nel frattempo, Facebook ha lanciato proprio ieri il suo concorrente della newsletter Substack, Bulletin, che offre ai creatori un modo per vendere abbonamenti premium e accedere a gruppi di soli membri e sale audio dal vivo. Anche Spotify ha lanciato una chat room audio e rivale di Clubhouse, Greenroom, che prevede anche di monetizzare alla fine.

Sebbene i nuovi screenshot offrano uno sguardo più approfondito sui piani dei prodotti di Instagram su questo fronte, dovremmo avvertire che una funzionalità in fase di sviluppo non è necessariamente rappresentativa di come apparirà al lancio o di come si comporterà alla fine. Non è nemmeno una promessa definitiva di un lancio pubblico, anche se, in questo caso, sarebbe difficile vedere Instagram abbandonare i suoi piani per contenuti esclusivi e riservati ai membri, dato il suo più ampio interesse nel servire i creatori, dove tale funzionalità è essenzialmente parte di un'offerta di base.

0 commenti